nonsoloaforismi

Menu
Home
Aforismi
Frammenti
Piccole storie
Poesie
Autori
Ipse dixit
Aforismi dei classici
Le vostre poesie
Sui muri
Umorismo
La legge di Murphy
Aiutiamoli
Autori
Marcello Marchesi
Alphonse Karr
Jim Morrison
Ennio Flaiano
Altri autori
Rubriche
Blog
Newsletter
Guest Book
Link
Segnala il tuo sito
I nostri banner
Scrivi al webmaster
Segnala ad un amico
Motori di ricerca
Collaboratori
Giovy
Cate
Cerca nel sito
Powered by PageSearch.net
wikipedia nonsoloaforismi
Segnalato su
Punto Informatico, l'evoluzione della rete
Gratis.it
Top Amici di Web-Link
IL TUO SITO.it ... dove il protagonista sei Tu!
Ottimizza il tuo sito con TuttoWebMaster

Miglioramento

explorerfirefoxkonqueroroperanetscapesafari
A mia madre lavandaia
di Attila J˛zsef
Indice poesie Indice autori

Teneva tra le mani una scodella.
La rivedo cosý, una domenica sera.
Sorrideva in silenzio, esitando
un po' nella penombra.

Portava a casa la sua cena
guadagnata sotto i padroni
e a letto, pi¨ tardi, io pensavo
che quelli ne mangiavano pentole piene.

Mia madre era gracile e morý giovane:
le lavandaie muoiono presto,
le gambe tremano sotto i carichi
e la testa fa male dallo stirare.

Dense nuvole di vapore,
montagne di biancheria sporca
e per cambiare aria
il solaio.

La rivedo mia madre, piegata sul ferro da stiro.
il suo esile corpo, sempre pi¨ sottile,
fu spezzato dal capitale.

Pensateci, o proletari!

A furia di lavare s'era fatta curva
e io non sapevo che ancora fosse giovane.
Sognava d'avere un grembiule pulito
e che il postino le dicesse buon giorno.

 
Indice poesie Indice autori
 

Webmaster - Privacy - Disclaimer - Segnala ad un amico 

2005-2008ęThestronger - Made in Treviso (Italy)